Kategorie: Europa

( G20 )

Wir dokumentieren hier eine portugiesische Übersetzung des Berichts zu den Aktivitäten des Antiimperialistischen Bündnisses zu dem G20-Treffen in Hamburg:

A Aliança Antiimperialista se agrupou a partir de várias organizações para fazer resistência ao Encontro do G20 , em Hamburgo, Alemanha. O objetivo declarado da Aliança foi: “Em meio a diversas formas de resistência, nós lutaremos com o intuito de enviar uma mensagem clara, internacionalista e revolucionária para aqueles que lutam contra o imperialismo em todo o mundo. Estamos a seu lado, lutamos sua luta! Enviamos esta mensagem, entre outras, para os camponeses do Brasil que dão suas vidas para iniciar uma grande revolução; enviamos esta mensagem para todos os que lutam contra a agressão imperialista no Curdistão, na Síria e Iraque.

Weiterlesen...

Wir dokumentieren hier eine italienische Übersetzung des Berichts zu den Aktivitäten des Antiimperialistischen Bündnisses zu dem G20-Treffen in Hamburg:


In funzione della resistenza contro il vertice G20 ad Amburgo, diverse organizzazioni hanno formato un’alleanza antimperialista. L'obiettivo dichiarato dell'alleanza era: “All’interno delle diverse forme di resistenza ci batteremo per inviare un messaggio chiaro internazionalista e rivoluzionario a tutti coloro che in tutto il mondo lottano contro l'imperialismo: Noi siamo con voi, la vostra lotta è la nostra!

Inviamo questo messaggio, tra gli altri, ai poveri contadini in Brasile che danno la vita per sviluppare una grande rivoluzione; inviamo questo messaggio a tutti coloro che lottano in Kurdistan, Siria e Iraq contro l'aggressione imperialista; inviamo questo messaggio alle compagne e ai compagni che danno la vita nella guerra popolare in Perù, Turchia, India e nelle Filippine per condurre fino in fondo la rivoluzione; noi inviamo questo messaggio a tutti coloro che contro il genocidio e la repressione draconiana del regime di Erdogan in Turchia, tengono alta la bandiera della resistenza; noi inviamo questo messaggio a coloro che nelle segrete galere della reazione in tutto il modo tengono alte le bandiere della ribellione; inviamo questo messaggio alle comuniste e ai comunisti e rivoluzionari che nei paesi imperialisti nonostante tutte le loro differenze combattono insieme, per distruggere la bestia imperialista”.
02
Perciò l'alleanza ha intrapreso diverse attività che, mentre altri amici si impegnavano principalmente a risolvere problemi di campeggi, percorsi di manifestazioni ecc, hanno portato la campagna contro il vertice del G20 nei quartieri proletari di Amburgo, tra le masse più profonde e più ampie. Grazie a un certo lavoro, abbiamo creato condizioni tali da poter lottare sul campo tutta una settimana dove, come e quando volevamo, vale a dire che siamo stati capaci di realizzare forti iniziative e contribuire e sviluppare l'atteggiamento militante nelle proteste contro il G20. Per fare un esempio, la propaganda è stata fatta alla luce nei quartieri operai, con scritte di slogan sui muri mentre si diffondevano volantini. Le masse non si sono
lamentate per i "muri imbrattati", al contrario, queste azioni hanno ricevuto sostegno dalla gente dei quartieri. Per iniziativa dei compagni, la prima azione di questa campagna è stata dedicata al compagno messicano Meztli Sarabia Reyna di Oaxaca, recentemente assassinato da mercenari dello stato messicano.


La disponibilità a unirsi a “tutte le forze che vogliono combattere contro il vertice del G20”, come si dice nell’appello dell'alleanza antimperialista, è stata messa in pratica. I compagni hanno partecipato a varie lotte e manifestazioni durante la settimana, per far sì che la tempesta della battaglia di massa soffiasse su di loro potessero far parte di quella gigantesca tempesta , cosa che non può accadere in una stanza al riparo. Perciò una squadra dell'alleanza antimperialista ha partecipato alla manifestazione “Welcome to Hell” , anche se la resistenza delle masse è stata in parte usata da forze che non hanno rotto con lo stato borghese, pronte a sedersi al tavolo per a contrattare con esso, e da forze che più di una volta hanno svolto il ruolo del genocida Israele, i cosiddetti "Antideutsche", per abbattere i legami tra le diverse tendenze all'interno del movimento rivoluzionario in Germania.

Una questione da porsi è perché, tra gli altri, il Centro Internazionale B5 è stato bersaglio di un brutale assalto e perquisizione da parte della polizia, sebbene, rispetto alla Rote Flora, fosse realtà piuttosto piccola, sconosciuta e poco osservata dai media borghesi nel contesto delle proteste. Auguriamo a tutti i compagni del B5, che riescano utilizzare questa inaspettata attenzione mediatica e anche conquistare nuove forze al loro prezioso lavoro culturale, internazionalista e antimperialista fondato sulla solidarietà contro la repressione e la violenza dello stato borghese. Unirci con tutti e trasformare questo odioso attacco del nemico in una sua amara sconfitta!

Nella manifestazione di massa di sabato insieme, all'alleanza contro l'aggressione imperialista di Amburgo abbiamo organizzato un blocco antimperialista, che è apparso come il blocco di un fronte militante, con un striscioni e bandire con falce e martello agitate in gran numero. Era composto da compagni provenienti da diversi paesi europei. l’impatto di questo blocco è stato visibile anche per i media borghesi, come detto dal vice direttore capo dell'Hamburger Abendblatt: "tante bandiere con falce e martello, come non si sono mai viste dopo la caduta del muro di Berlino" (Hamburger Abendblatt, "Die Schwarzen und die Linken", 10 luglio 2017). Fuori dal corteo, squadre di propaganda antimperialiste hanno diffuse volantini, attaccato adesivi e scritto sui muri gli slogan del blocco. In questo blocco, tanti compagni di organizzazioni totalmente diverse si sono ritrovati spalla a spalla e si sono difesi dall'attacco massiccio e pianificato della polizia. Questo spirito di combattimento ha impressionato la polizia, tanto che un loro comunicato stampa dice: "tra i manifestanti si sono registrati casi sporadici di travisamento. Elementi provenienti da questo gruppo hanno commesso diversi reato, perciò nella zona di Herrengraben la polizia ha cercato di isolare questo gruppo di circa 120 persone. Gli agenti sono stati massicciamente scalciati e colpiti con le aste delle bandiere. I manifestanti mascherati sono riusciti a fuggire in tutte le direzioni senza che siano stati individuati "(comunicato stampa della polizia," Versammlungen am 08.07.2017 in Hamburg - Ergänzung Stand 16:40 Uhr "), Anche la stampa borghese ha ripetutamente segnalato massicci attacchi con aste contro la polizia. Nel corso dell’attacco dei reazionari, due compagni si sono feriti abbastanza gravemente da dover essere portati in ospedale. Ma abbiamo notizia che neanche la polizia ha portato a termine il suo agguato senza pagare un certo prezzo. Dopo l'attacco, i compagni del blocco anti-imperialista che non erano nelle prime file prima hanno raccolto le bandiere rosse con falce e martello e in tanti, con spirito rivoluzionario, hanno riorganizzato il blocco per completare la manifestazione in forma militante. Speriamo che compagni di altri paesi che non hanno colto l'opportunità di combattere spalla a spalla con i compagni del blocco possano riportare a casa un buon ricordo di questa giornata. Ringraziamo anche per la solidarietà che diversi compagni hanno espresso dopo l'attacco della polizia, ma teniamo a chiarire che non siamo state vittime indifese, tutti i compagni hanno preso parte a questa lotta con una chiara coscienza.


Dopo la manifestazione di sabato è stato chiaro, che c’è stata fondamentalmente una separazione di due manifestazioni. Una sarebbe stata la manifestazione combattiva, quella "Welcome to Hell", dove tutti andavano andare pronti a scontrarsi con la polizia, ma in una lotta isolata dalle masse. La manifestazione di sabato ne sarebbe stato quella del "polo pacifico opposto". Ciò dimostra che il controllo del revisionismo sulla protesta è stato sottovalutato alla vigilia, soprattutto il controllo del partito die Linke, che nella manifestazione ha perfino invocato l'attacco contro blocco antimperialista, perché guastava i piani del revisionismo. Ciò dimostra che quelli di die Linke non sono "amici che sbagliano", ma elementi vicini e irrimediabilmente fusi con la macchina dello Stato imperialista per quanto riguardo la repressione in Germania come per quanto riguarda la politica estera della borghesia, e non solo. Questo ci riporta al significato degli insegnamenti di Lenin, che i rivoluzionari devono essere educati alla violenza rivoluzionaria e nella lotta implacabile contro il revisionismo. Per i compagni, ogni colpo ricevuto è stato un promemoria di che cosa è il revisionismo e qual è il suo ruolo. Concludendo, mentre tutti gli opportunisti e revisionisti cercano di mettersi al riparo dalla furia della rabbia borghese e prendono le distanse, vogliamo chiarire: una "sinistra tedesca" che esprime condanna quando compagni di Grecia e Spagna e altri paesi dell'Unione europea sotto gli artigli dell'imperialismo tedesco scaricano il loro odio di classe qui per le nostre strade, è e rimane un social-sciovinista e perciò nemico giurato della classe operaia. Non senza motivo, nei suoi insistenti avvertimenti contro queste tendenze e nella sua lotta contro lo sciovinismo in generale, Lenin ha indicato lo "sciovinismo tedesco" come un esempio particolarmente negativo.


Salutiamo i giovani rivoluzionari, le figlie e i figli della classe che hanno affrontato le forze d’assalto dell'imperialismo tedesco assassino, senza paura, senza dubbi, senza pensare a sé stessi. Alcuni compagni sono sopravvissuti solo per caso allo scontro, i porci hanno cercato fracassargli il cranio, ma i compagni non si sono lamentati, tutti erano contenti, felici, consapevoli che si trovavano dalla parte giusta, dalla degli oppressi e sfruttati, dalla parte della nostra classe mondiale, dalla parte del futuro dell'umanità. C'è tanto ancora da analizzare e ci occorre di un po 'di tempo per farlo. Pazienza compagni, ci saranno altri report. Ma c’è qualcosa che abbiamo sentito, mentre stavamo insieme, mentre scorreva il sangue nostro sangue e del nemico. Abbiamo sentito che qualcosa è nato – e come ogni parto è avvenuto nel sangue – è la nascita di qualcosa di nuovo. Qualcosa che molti pensavano non sarebbe mai apparsa in questo marcio Stato: dei comunisti in lotta, soldati della classe, pronti a pagare il prezzo. Alla fine, qualunque cosa ci accada, questa vittoria importante e sviluppo sono stati raggiunti.

Wir dokumentieren hier eine spanische Übersetzung des Berichts zu den Aktivitäten des Antiimperialistischen Bündnisses zu dem G20-Treffen in Hamburg:

Como parte de la resistencia a la reunión del G-20 en Hamburgo, se formó la Alianza A ntiimperialista de diferentes organizaciones. El objetivo declarado de la Alianza fue: "En medio de las diversas formas de resistencia vamos a luchar para enviar un claro mensaje internacionalista y revolucionario para a los combatientes en todo el mundo contra el  imperialismo: Estamos juntos con ustedes, su lucha es nuestra! enviamos este mensaje, entre otros a los campesinos pobres en Brasil que dan su vida para desplegar una gran revolución;

Weiterlesen...

Wir dokumentieren hier eine französische Übersetzung des Berichts zu den Aktivitäten des Antiimperialistischen Bündnisses zu dem G20-Treffen in Hamburg sowie des Videos mit Eindrücken zu den Kämpfen und dem Widerstand gegen G20:

En lien avec la résistance contre le sommet du 20 à Hambourg, l’alliance anti-impérialiste était formée de différentes organisations. Le but déclaré de l’alliance était le suivant : « Au milieu des différentes formes de résistance, nous combattrons pour envoyer un message clair, internationaliste et révolutionnaire, à ceux qui combattent l’impérialisme partout à travers le monde : Nous nous tenons à vos côtés, votre lutte est notre lutte ! Nous envoyons ce message entre autres aux paysans pauvres au Brésil, qui donne leurs vies pour développer une grande révolution ; nous envoyons ce message à tous ceux qui combattent l’agression impérialiste au Kurdistan, en Syrie et en Irak ;

Weiterlesen...

Wir dokumentieren diese englische Übersetzung des uns zugeschickten Berichtes:

In line with the resistance against the G20-Meeting in Hamburg the anti-imperialist alliance formed itself out of various organisations. Declared goal of the alliance was “In the middle of the diverse forms of resistance we will fight in order to send a clear internationalist and revolutionary message to those, fighting imperialism all over the world: We stand at your side, your struggle is our struggle! We send this message among others to the poor peasants in Brazil, who give their lives to unfold a great revolution; we send this message to all, who fight the imperialist aggression in Kurdistan, Syria and Iraq;

Weiterlesen...

Wir dokumentieren hier ein Video mit einigen Eindrücken von den Kämpfen und dem Widerstand gegen den G20-Gipfel in Hamburg:

Weiterlesen...

Wir dokumentieren hier eine portugiesische Übersetzung des Artikels "Steine fliegen und ihr schreit":

Weiterlesen...

Wir dokumentieren hier eine spanischeÜbersetzung des Artikels "Steine fliegen und ihr schreit":
Con respecto a la cazeria de brujas que prevalece en el momento presente en los medios burgueses, citamos aquí (DE DEM VOLKE DIENEN) una explicación de  ACCIÒN ROJA de Colonia:

Weiterlesen...

[Wir veröffentlichen hier gerne folgende Stellungnahme die wir zugesannt bekommen haben.]

Im Rahmen des Widerstands gegen das G20-Treffen in Hamburg formierte sich auch das Antiimperialistisch Bündnis aus verschiedenen Organisationen. Erklärtes Ziel des Bündnisses war es: „Inmitten der vielfältigen Formen des Widerstands werden wir kämpfen, um eine klare internationalistische und revolutionäre Botschaft an die in der ganzen Welt gegen den Imperialismus Kämpfenden zu senden: Wir stehen zusammen mit euch, euer Kampf ist unserer! Diese Botschaft senden wir u.a. an die armen Bauern in Brasilien, die ihre Leben geben, um eine große Revolution zu entfalten; wir senden diese Botschaft an alle, die in Kurdistan, Syrien und dem Irak gegen die imperialistische Aggression kämpfen;

Weiterlesen...

Bezüglich der im jetzigen Moment vorherrschenden Hetze der bürgerlichen Medien zitieren wir hier eine Erklärung der Roten Aktion Köln:
Menschen Steine

Weiterlesen...